Scozia: laghi, castelli e fantasmi ......

viaggio del 1900 sulla via delle carovane tra Amman, Petra e il golfo di Aqaba ... tre giorni a rincorrere i vecchi fantasmi di Petra tra i resti delle tombe e dei monumenti scavati nella roccia .... intere cattedrali i cui elementi architettonici si confondondo con la materia rossa che li circonda, con le forme con cui la natura ha plasmato questi luoghi e che i xxxxxxxx hanno saputo assoggettare alle loro esigenze e ai loro profili estetici

Hummus be tahini (crema di ceci) - per 4 persone

500gr di ceci lessati + 1 spicchio d'aglio + 2 limoni + 70gr di tahini + olio d'oliva + paprika  ..... dopocotti, ridurre i ceci in purea, aggiungere qualche cucchiaio d'acqua di cottura .... se si usano ceci già pronti, lavarli sotto l'acqua e usare acqua calda per allungare .... mettere in una ciotola il tahini col succo dei limoni e l'aglio tritato finemente ... lavorare per rendere omogeneo e unire il tutto al purea di ceci ... mescolare, mettere in una ciotola, fare un incavo al centro e versarci l'olio, la paprika e a piacere qualche oliva nera .... servire con pane arabo o focacce calde !!!!

Viaggio Avventure nel Mondo del 2004

.......ci addentriamo nella zona archeologica di Petra, attraverso una stretta gola che in alcuni punti non supera i due metri di larghezza e si apre su uno degli scenari più affascinanti del mondo: scavati in una pietra che sfuma dal rosso al rosa, sorgono i templi e i monumenti dell'antica capitale nabatea. Abitata probabilmente dagli Edomiti fin dal XIII secolo a.C., Petra fu occupata intorno all'800 a.C. dai Nabatei, che da questo punto strategico controllavano, riscuotendo pedaggi, il traffico carovaniero tra l'Arabia e il Mediterraneo. Completamente dimenticata, la “città perduta” fu scoperta con uno stratagemma nel 1812 dal viaggiatore e arabista svizzero Jean Louis Burckhardt. Questi convertitosi all'islam con il nome di Sheik Ibrahim bin Abdullah, si fece portare dai beduini sul sito di Petra (proibita agli stranieri) con la scusa di immolare una capra sulla vicina tomba di Aronne ... poi ricadde nell'oblio, fino a quando la riscoprì nel 1836 l'archeologo John Lloyd Stephens ), il quale ebbe a scrivere: "Trovatemi una meraviglia che la eguagli, fuori dall'oriente. Una città rossa-rosata antica quanto la metà del tempo". Stephens fu quindi antesignano della decisione dell'Unesco che nel 2007 ha inserito Petra tra le 10 meraviglie del mondo...In un'atmosfera magica si possono ammirare le abitazioni, i templi nabatei e innumerevoli monumenti romani) , il Monastero (Al Deir) e le straordinarie tombe rupestri oltre a quella di El-Khazneh (il tesoro) posta all'uscita del siq e costituita da una facciata a due ordini corinzi, ornata di statue e di rilievi .......